Quale linguistica per la traduzione? Note a margine di un corso di studio “professionalizzante”