L’Oulipo al margine della modernità