L’epidemia di diabete di tipo 2 nel mondo non più solo occidentale trova le sue origini anche dalla combinazione di comportamenti non salutari e potrebbe largamente essere corretta da un’educazione a uno stile di vita più sano. Terminata la stagione dei grandi trial di prevenzione, si sta affermando la stagione dell’intervento nella popolazione con diabete, con tutte le difficoltà prevedibili considerando il numero delle persone sulle quali intervenire e le difficoltà nelle quali operano già le strutture diabetologiche. Così come in altri Paesi, anche dalla realtà italiana sono state pubblicate esperienze positive sia attraverso programmi specifici sia attraverso l’utilizzazione di sussidi che favoriscono la motivazione al cambiamento. Analogamente a quanto dimostrato nella terapia dell’obesità, la dieta prescrittiva può essere ormai considerata una metodologia obsoleta, non garantendo alcuna aderenza e risultato nel lungo termine. Occorre oggi ripensare l’organizzazione dei servizi di diabetologia e dei team diabetologici per fornire ai pazienti una cura più efficace. In questo lavoro vengono passate in rassegna le principali esperienze pubblicate, documentandone gli effetti favorevoli e le difficoltà che ancora si frappongono alla loro diffusione. SUMMARY Lifestyle interventions in diabetes – where are we now? The epidemics of type 2 diabetes, no longer involving exclusively western countries, is largely due to a combination of unhealthy lifestyles and might be corrected by healthy diet and physical activity. Following the results of the large intervention trials on diabetes prevention, the focus is now on diabetes treatment. Here, the very large number of cases to be treated and the paucity of resources may be an insurmountable limit for most diabetes unit. As well as in different Countries, also in Italy we do have successful experiences published in the literature. They have been carried out either by in-house developed programs or by the use of tools favoring behavior changes. The use of prescriptive diet, as also observed in the treatment of obesity, does not guarantee long-term adherence and weight loss maintenance. We need to reconsider the organization of the diabetes Unit and diabetes team, in order to provide more effective treatment. We review the most important experiences in the behavior treatment of diabetes, underlining the favorable effects and the limits totheir full implementation.

Interventi sullo stile di vita nel diabete – A che punto siamo? Lifestyle intervention in diabetes - Where are we now?

MOSCATIELLO, SIMONA;DI LUZIO, RAFFAELLA;FORLANI, GABRIELE;MARCHESINI REGGIANI, GIULIO
2012

Abstract

L’epidemia di diabete di tipo 2 nel mondo non più solo occidentale trova le sue origini anche dalla combinazione di comportamenti non salutari e potrebbe largamente essere corretta da un’educazione a uno stile di vita più sano. Terminata la stagione dei grandi trial di prevenzione, si sta affermando la stagione dell’intervento nella popolazione con diabete, con tutte le difficoltà prevedibili considerando il numero delle persone sulle quali intervenire e le difficoltà nelle quali operano già le strutture diabetologiche. Così come in altri Paesi, anche dalla realtà italiana sono state pubblicate esperienze positive sia attraverso programmi specifici sia attraverso l’utilizzazione di sussidi che favoriscono la motivazione al cambiamento. Analogamente a quanto dimostrato nella terapia dell’obesità, la dieta prescrittiva può essere ormai considerata una metodologia obsoleta, non garantendo alcuna aderenza e risultato nel lungo termine. Occorre oggi ripensare l’organizzazione dei servizi di diabetologia e dei team diabetologici per fornire ai pazienti una cura più efficace. In questo lavoro vengono passate in rassegna le principali esperienze pubblicate, documentandone gli effetti favorevoli e le difficoltà che ancora si frappongono alla loro diffusione. SUMMARY Lifestyle interventions in diabetes – where are we now? The epidemics of type 2 diabetes, no longer involving exclusively western countries, is largely due to a combination of unhealthy lifestyles and might be corrected by healthy diet and physical activity. Following the results of the large intervention trials on diabetes prevention, the focus is now on diabetes treatment. Here, the very large number of cases to be treated and the paucity of resources may be an insurmountable limit for most diabetes unit. As well as in different Countries, also in Italy we do have successful experiences published in the literature. They have been carried out either by in-house developed programs or by the use of tools favoring behavior changes. The use of prescriptive diet, as also observed in the treatment of obesity, does not guarantee long-term adherence and weight loss maintenance. We need to reconsider the organization of the diabetes Unit and diabetes team, in order to provide more effective treatment. We review the most important experiences in the behavior treatment of diabetes, underlining the favorable effects and the limits totheir full implementation.
GIDM. GIORNALE ITALIANO DI DIABETOLOGIA E METABOLISMO
S. Moscatiello; A.S. Sasdelli; R. Di Luzio; G. Forlani; G. Marchesini Reggiani
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/115986
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus 0
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact