Per Israele, e per la stragrande maggioranza dei media in particolare nei paesi europei e nordamericani, Gaza pare non avere una storia prima del 7 ottobre 2023, come se la chiusura ermetica e l’assedio cui è sottoposta da quasi due decenni possano confinare la striscia in uno spazio-tempo di assenza, al di fuori della storia o – per usare un’altra metafora – come una prigione di cui si sono buttate via le chiavi augurandosi che i prigionieri scompaiano nell’oblio. Tuttavia, non si può capire il 7 ottobre e tutto ciò che ne è seguito, se non allargando lo sguardo attraverso il tempo e lo spazio. Si badi, non si tratta qui di scandagliare il passato e il presente al solo fine di attribuire responsabilità, nonostante quest’ultimo sia un passo fondamentale per dare senso e offrire qualche minima riparazione emotiva e giuridica alle vittime e ai sopravvissuti di entrambe le parti. Questo sarà il compito della Corte penale di giustizia e del diritto internazionale. Per ora, collocare gli eventi in una cornice interpretativa storica è la precondizione per immaginare come uscire da questa spirale nella direzione di una giustizia risolutiva e riparativa per la popolazione palestinese

Gaza. Disumanizzazione e ottimismo della disperazione / R.Salih. - STAMPA. - 112:(2024), pp. 20-25.

Gaza. Disumanizzazione e ottimismo della disperazione

R. Salih
2024

Abstract

Per Israele, e per la stragrande maggioranza dei media in particolare nei paesi europei e nordamericani, Gaza pare non avere una storia prima del 7 ottobre 2023, come se la chiusura ermetica e l’assedio cui è sottoposta da quasi due decenni possano confinare la striscia in uno spazio-tempo di assenza, al di fuori della storia o – per usare un’altra metafora – come una prigione di cui si sono buttate via le chiavi augurandosi che i prigionieri scompaiano nell’oblio. Tuttavia, non si può capire il 7 ottobre e tutto ciò che ne è seguito, se non allargando lo sguardo attraverso il tempo e lo spazio. Si badi, non si tratta qui di scandagliare il passato e il presente al solo fine di attribuire responsabilità, nonostante quest’ultimo sia un passo fondamentale per dare senso e offrire qualche minima riparazione emotiva e giuridica alle vittime e ai sopravvissuti di entrambe le parti. Questo sarà il compito della Corte penale di giustizia e del diritto internazionale. Per ora, collocare gli eventi in una cornice interpretativa storica è la precondizione per immaginare come uscire da questa spirale nella direzione di una giustizia risolutiva e riparativa per la popolazione palestinese
2024
Gaza. Disumanizzazione e ottimismo della disperazione / R.Salih. - STAMPA. - 112:(2024), pp. 20-25.
R.Salih
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/969808
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact