Nel quadro generale di riforma della pubblica amministrazione, il settore dei beni culturali e` stato oggetto di grandi cambiamenti che hanno interessato sia la normativa, che le forme di gestione. In tale contesto, il museo ha rivestito un ruolo centrale, acquisendo una piu` precisa individualita` e passando dalla condizione di universitas rerum allo status di istituto. In questo ambito, l’Atto di indirizzo ministeriale del 10 maggio 2001 sui ‘‘Criteri tecnico- scientifici e standard per il funzionamento e lo sviluppo dei musei’’ rappresenta un elemento fondamentale e un fattore di accelerazione. Sul tracciato del Codice deontologico dell’Icom e attraverso un proficuo coinvolgimento delle regioni e delle autonomie locali, il documento ha sottolineato l’importanza della qualita` dei servizi offerti, definendo gli ambiti, i criteri e gli standard per il funzionamento e lo sviluppo dei musei. Sulla base del principio di sussidiarieta`, i principali attori dell’attuazione e messa in pratica dell’Atto di indirizzo sono le regioni, che in quest’ultimi anni hanno avviato progressivi percorsi di miglioramento della qualita` dei musei attraverso l’adozione degli standard e l’avvio di processi di accreditamento.

Standard e processi di accreditamento dei musei: normativa e prassi regionale

DEL SORDO, CARLOTTA;ORELLI, REBECCA LEVY;PAZZI, SILVIA
2010

Abstract

Nel quadro generale di riforma della pubblica amministrazione, il settore dei beni culturali e` stato oggetto di grandi cambiamenti che hanno interessato sia la normativa, che le forme di gestione. In tale contesto, il museo ha rivestito un ruolo centrale, acquisendo una piu` precisa individualita` e passando dalla condizione di universitas rerum allo status di istituto. In questo ambito, l’Atto di indirizzo ministeriale del 10 maggio 2001 sui ‘‘Criteri tecnico- scientifici e standard per il funzionamento e lo sviluppo dei musei’’ rappresenta un elemento fondamentale e un fattore di accelerazione. Sul tracciato del Codice deontologico dell’Icom e attraverso un proficuo coinvolgimento delle regioni e delle autonomie locali, il documento ha sottolineato l’importanza della qualita` dei servizi offerti, definendo gli ambiti, i criteri e gli standard per il funzionamento e lo sviluppo dei musei. Sulla base del principio di sussidiarieta`, i principali attori dell’attuazione e messa in pratica dell’Atto di indirizzo sono le regioni, che in quest’ultimi anni hanno avviato progressivi percorsi di miglioramento della qualita` dei musei attraverso l’adozione degli standard e l’avvio di processi di accreditamento.
del Sordo C.; Orelli R.L.; Pazzi S.
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/94500
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact