La Corte dei conflitti, al crocevia tra giustizia e politica