Patroclo 'capro espiatorio': osservazioni sul libro XVI dell'Iliade