This article aims to examine the relationship between the dissemination of scientific knowledge and teacher training from a historical, pedagogical and narrative point of view. From the time of national reunification to the present day, scientific culture in Italy has been marked by different and contradictory periods: the theme of the popular vulgarization of scientific content has always engaged both schools and society intensely, as anti-vax positions during the current pandemic still demonstrate today. Faced with these difficult controversies, the dissemination of scientific knowledge and the publications that accompany this qualify, even historically, as important educational resources which initial and ongoing teacher training needs to take into account: the aesthetic, communicative and literary potential of scientific narrative works helps young people to access formal knowledge of a technical, biological and physical nature. However, this awareness is barely present in the context of teacher training.

L’articolo intende esaminare da un punto di vista storico, pedagogico e narrativo il rapporto tra divulgazione e formazione dei docenti. La cultura scientifica in Italia dai tempi dell’unificazione nazionale ad oggi ha vissuto periodi diversi e contradditori: il tema della diffusione popolare dei contenuti scientifici ha sempre coinvolto in modo intenso sia la scuola, che la società, come dimostrano ancora oggi le posizioni no-vax durante l’attuale pandemia. Davanti a questi contesti di difficile dibattito, la divulgazione scientifica e l’editoria collegata si qualificano, anche storicamente, come importanti risorse educative di cui la formazione iniziale e in servizio dei docenti deve tenere conto: il potenziale estetico, comunicativo e letterario delle opere narrative di stampo scientifico ha la capacità di aiutare i giovani ad accedere al sapere formale di natura tecnica, biologica e fisica. Tuttavia si tratta di una consapevolezza che a fatica si sta facendo strada nei contesti di formazione dei docenti.

La formazione degli insegnanti e la divulgazione scientifica in Italia: il ruolo della letteratura per l'infanzia = Teacher education and the popularization of science in Italy: the role of children's literature

Grandi William
2022

Abstract

L’articolo intende esaminare da un punto di vista storico, pedagogico e narrativo il rapporto tra divulgazione e formazione dei docenti. La cultura scientifica in Italia dai tempi dell’unificazione nazionale ad oggi ha vissuto periodi diversi e contradditori: il tema della diffusione popolare dei contenuti scientifici ha sempre coinvolto in modo intenso sia la scuola, che la società, come dimostrano ancora oggi le posizioni no-vax durante l’attuale pandemia. Davanti a questi contesti di difficile dibattito, la divulgazione scientifica e l’editoria collegata si qualificano, anche storicamente, come importanti risorse educative di cui la formazione iniziale e in servizio dei docenti deve tenere conto: il potenziale estetico, comunicativo e letterario delle opere narrative di stampo scientifico ha la capacità di aiutare i giovani ad accedere al sapere formale di natura tecnica, biologica e fisica. Tuttavia si tratta di una consapevolezza che a fatica si sta facendo strada nei contesti di formazione dei docenti.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
William Grandi -Formazione Insegnanti e Divulgazione Scientifica - Pedagogia Oggi XX 1 2022.pdf

accesso aperto

Tipo: Versione (PDF) editoriale
Licenza: Licenza per Accesso Aperto. Creative Commons Attribuzione (CCBY)
Dimensione 266.94 kB
Formato Adobe PDF
266.94 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/889885
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact