UN POETA PER TUTTE LE STAGIONI. USI E RIUSI D’UN VERSO LUCREZIANO