La pronuncia della Corte costituzionale, chiamata a verificare la legittimità dell’ergastolo ostativo in relazione all’istituto della liberazione condizionale, appare decisiva in una duplice prospettiva: in primo luogo, con riguardo alla valorizzazione del principio rieducativo rispetto al diritto sia costituzionale sia convenzionale e, in secundis, in relazione alla funzione dell'ostatività sanzionatoria nell'ordinamento nazionale.

Ergastolo ostativo e liberazione condizionale: in attesa di una sentenza ambivalente

Alessandra Santangelo
Primo
2020

Abstract

La pronuncia della Corte costituzionale, chiamata a verificare la legittimità dell’ergastolo ostativo in relazione all’istituto della liberazione condizionale, appare decisiva in una duplice prospettiva: in primo luogo, con riguardo alla valorizzazione del principio rieducativo rispetto al diritto sia costituzionale sia convenzionale e, in secundis, in relazione alla funzione dell'ostatività sanzionatoria nell'ordinamento nazionale.
Alessandra Santangelo
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/872734
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact