Dopo aver analizzato i punti salienti di una recente decisione del Tribunale di Napoli, l’Autore si sofferma sulla necessità di una valutazione stringente dei presupposti applicativi dell’istituto di cui all’art. 34-bis D.lgs. n. 159/2011 e sul difficile coordinamento sistematico con l’informazione antimafia interdittiva e con gli ulteriori strumenti di contrasto dell’inquinamento criminale nell’economia lecita, evidenziando l’utilità di una razionalizzazione complessiva di un sistema allo stato elefantiaco al fine di preservarne la razionalità rispetto ai valori e agli scopi.

Il controllo giudiziario volontario, tra valorizzazione ermeneutica del concreto pericolo di infiltrazioni mafiose e rischio di effetti paradossali

Mario Arbotti
2021

Abstract

Dopo aver analizzato i punti salienti di una recente decisione del Tribunale di Napoli, l’Autore si sofferma sulla necessità di una valutazione stringente dei presupposti applicativi dell’istituto di cui all’art. 34-bis D.lgs. n. 159/2011 e sul difficile coordinamento sistematico con l’informazione antimafia interdittiva e con gli ulteriori strumenti di contrasto dell’inquinamento criminale nell’economia lecita, evidenziando l’utilità di una razionalizzazione complessiva di un sistema allo stato elefantiaco al fine di preservarne la razionalità rispetto ai valori e agli scopi.
Mario Arbotti
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/871383
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact