Narrazioni in tempo di pandemia: le storie come “possesso perenne”.