Dante nel canone di Ungaretti tra critica e rispecchiamento