Si tratta di una riflessione sulla personale traduzione in italiano di uno scritto di Yves Bonnefoy centrato sull'opera di Giacomo Leopardi: nella breve riflessione vengono espressi gli stretti legami, anche di memoria, che si instaurano tra il traduttore e il testo da tradurre, e vengono approfonditi alcuni aspetti problematici, per la traduzione stessa, della ricca terminologia poetico-filosofica di Yves Bonnefoy.

Alcune brevi riflessioni sulla traduzione, tra paradosso e rigore 'terminologico'

ELEFANTE, CHIARA
2004

Abstract

Si tratta di una riflessione sulla personale traduzione in italiano di uno scritto di Yves Bonnefoy centrato sull'opera di Giacomo Leopardi: nella breve riflessione vengono espressi gli stretti legami, anche di memoria, che si instaurano tra il traduttore e il testo da tradurre, e vengono approfonditi alcuni aspetti problematici, per la traduzione stessa, della ricca terminologia poetico-filosofica di Yves Bonnefoy.
C. Elefante
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/8368
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact