Lucrezio, Catullo, Orazio e Sanguineti. Esercizi di “pseudotraslazione”