La sentenza sul “lodo Alfano”: una risposta tardiva