Il saggio fornisce una panoramica di diversi aspetti che connotano il rapporto tra donne e cibo nel Medioevo. Si parte dall'interpretazione del gesto di Eva, che tramite l'offerta di cibo precipita l'umanità nel peccato, per passare al disciplinamento alimentare, considerato necessario proprio a causa dell'indisciplina femminile; seguono poi gli interventi di modifica della realtà che da un lato sfruttano l'opera quotidiana di preparazione dei cibi, unita a competenze che sfociano nella stregoneria, e dall'altra toccano quella che è stata definita "santa anoressia" tramite l'intervento sulla propria alimentazione.

Donne e cibo. Spunti dal Medioevo

MUZZARELLI, MARIA GIUSEPPINA
2006

Abstract

Il saggio fornisce una panoramica di diversi aspetti che connotano il rapporto tra donne e cibo nel Medioevo. Si parte dall'interpretazione del gesto di Eva, che tramite l'offerta di cibo precipita l'umanità nel peccato, per passare al disciplinamento alimentare, considerato necessario proprio a causa dell'indisciplina femminile; seguono poi gli interventi di modifica della realtà che da un lato sfruttano l'opera quotidiana di preparazione dei cibi, unita a competenze che sfociano nella stregoneria, e dall'altra toccano quella che è stata definita "santa anoressia" tramite l'intervento sulla propria alimentazione.
2006
Semiofood. Comunicazione e cultura del cibo
74
84
Muzzarelli M.G.
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/81294
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact