Il presente scritto offre una approfondita analisi dell’ordinanza n. 10371 del 4 febbraio 2020, con la quale la Cassazione ha sollevato una questione di legittimità costituzionale sulla normativa italiana di recepimento del MAE, inerente i motivi di rifiuto alla consegna. In particolare, la Corte, sulla scorta dell’evoluzione giurisprudenziale interna e sovranazionale in materia di cittadinanza e cooperazione giudiziaria, propone una interpretazione costituzionalmente e convenzionalmente orientata che consenta anche allo straniero residente o dimorante in Italia di avvalersi della clausola di rifiuto alla consegna che la legge 69 del 2005, così come modificata nel 2019, riserva, per i mandati c.d. esecutivi, ai soli cittadini italiani ed europei. L’Autore, concordando con l’indirizzo ermeneutico del Giudice di legittimità, delinea, da ultimo, i possibili scenari che si dischiudono alla Consulta: i termini della questione di legittimità si pongono, infatti, a cavaliere tra normativa interna e normativa europea, riproponendo, tra le righe, il delicato tema del dialogo fra Corti.

Figli di un dio minore? Per la Cassazione, anche nel mandato d'arresto esecutivo, i residenti in Italia non aventi cittadinanza europea devono essere equiparati ai cittadini europei / Cosimo Emanuele Gatto. - In: RIVISTA ITALIANA DI DIRITTO E PROCEDURA PENALE. - ISSN 0557-1391. - STAMPA. - 2020:2(2020), pp. 678-697.

Figli di un dio minore? Per la Cassazione, anche nel mandato d'arresto esecutivo, i residenti in Italia non aventi cittadinanza europea devono essere equiparati ai cittadini europei.

Cosimo Emanuele Gatto
2020

Abstract

Il presente scritto offre una approfondita analisi dell’ordinanza n. 10371 del 4 febbraio 2020, con la quale la Cassazione ha sollevato una questione di legittimità costituzionale sulla normativa italiana di recepimento del MAE, inerente i motivi di rifiuto alla consegna. In particolare, la Corte, sulla scorta dell’evoluzione giurisprudenziale interna e sovranazionale in materia di cittadinanza e cooperazione giudiziaria, propone una interpretazione costituzionalmente e convenzionalmente orientata che consenta anche allo straniero residente o dimorante in Italia di avvalersi della clausola di rifiuto alla consegna che la legge 69 del 2005, così come modificata nel 2019, riserva, per i mandati c.d. esecutivi, ai soli cittadini italiani ed europei. L’Autore, concordando con l’indirizzo ermeneutico del Giudice di legittimità, delinea, da ultimo, i possibili scenari che si dischiudono alla Consulta: i termini della questione di legittimità si pongono, infatti, a cavaliere tra normativa interna e normativa europea, riproponendo, tra le righe, il delicato tema del dialogo fra Corti.
2020
Figli di un dio minore? Per la Cassazione, anche nel mandato d'arresto esecutivo, i residenti in Italia non aventi cittadinanza europea devono essere equiparati ai cittadini europei / Cosimo Emanuele Gatto. - In: RIVISTA ITALIANA DI DIRITTO E PROCEDURA PENALE. - ISSN 0557-1391. - STAMPA. - 2020:2(2020), pp. 678-697.
Cosimo Emanuele Gatto
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Cosimo Emanuele Gatto_Figli di un dio minore. Per la Cassazione, anche nel mandato d'arresto esecutivo anche i residenti.pdf

accesso riservato

Tipo: Versione (PDF) editoriale
Licenza: Licenza per accesso riservato
Dimensione 517.06 kB
Formato Adobe PDF
517.06 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Contatta l'autore

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/805659
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact