Guillermo Calderón, il drammaturgo, sceneggiatore e regista teatrale cileno più acclamato a livello internazionale, già ospite di VIE 2008 con il suo primo lavoro Neva, torna quest’anno in un momento cruciale della vita sociale e politica del suo Paese. In Dragón, il suo ultimo lavoro, viene messa in discussione la posizione dell’arte nelle battaglie politiche, con umorismo e profondità. Il risultato è uno spettacolo estremamente interessante, la cui attenzione al processo di ricerca lo rende esempio di teatro politico. Il collettivo artistico Dragón, si incontra periodicamente in un ristorante di Santiago del Cile per pianificare e definire la loro prossima installazione artistica. Questa volta però, hanno scelto un argomento così complesso (l’omicidio dell’attivista anti-coloniale Walter Rodney) – soprattutto in tempi di rinascita fascista – da determinare una diffidenza e inganni reciproci tra i componenti del collettivo. Sono coinvolti in qualcosa di terribile che è in procinto di distruggerli. L’unica via d’uscita è creare una nuova opera, per ricostruire la fiducia tra loro. Ma è troppo tardi. L’unica via d’uscita è una creazione basata sul tradimento.

Dragón

Fernandez Garcia, Maria Isabel
Writing – Review & Editing
;
Grimaldi, Ivonne Lucilla Simonetta
Writing – Review & Editing
;
Marzoni, Sofia
Writing – Review & Editing
2020

Abstract

Guillermo Calderón, il drammaturgo, sceneggiatore e regista teatrale cileno più acclamato a livello internazionale, già ospite di VIE 2008 con il suo primo lavoro Neva, torna quest’anno in un momento cruciale della vita sociale e politica del suo Paese. In Dragón, il suo ultimo lavoro, viene messa in discussione la posizione dell’arte nelle battaglie politiche, con umorismo e profondità. Il risultato è uno spettacolo estremamente interessante, la cui attenzione al processo di ricerca lo rende esempio di teatro politico. Il collettivo artistico Dragón, si incontra periodicamente in un ristorante di Santiago del Cile per pianificare e definire la loro prossima installazione artistica. Questa volta però, hanno scelto un argomento così complesso (l’omicidio dell’attivista anti-coloniale Walter Rodney) – soprattutto in tempi di rinascita fascista – da determinare una diffidenza e inganni reciproci tra i componenti del collettivo. Sono coinvolti in qualcosa di terribile che è in procinto di distruggerli. L’unica via d’uscita è creare una nuova opera, per ricostruire la fiducia tra loro. Ma è troppo tardi. L’unica via d’uscita è una creazione basata sul tradimento.
Guillermo Calderón
Dragón
Fernandez Garcia, Maria Isabel; Grimaldi, Ivonne Lucilla Simonetta; Marzoni, Sofia
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/733260
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact