Il caso Smart e il "valore sostanziale della forma"