La letteratura per l'infanzia tra sorveglianza e fughe desideranti