La sentenza Marcello Viola c. Italia sancisce la incompatibilità dell’ergastolo ostativo con la garanzia di cui all’art. 3 CEDU: ancorché siano coinvolti reati gravissimi, la previsione di meccanismi presuntivi assoluti contrasta con il fine rieducativo della pena quale declinazione della dignità personale. La Corte di Strasburgo si pone, così, in linea con le più recenti decisioni della Corte costituzionale in tema di pena perpetua, avvalorando il carattere “contro-maggioritario” dei diritti fondamentali in materia penale.

LA RIVOLUZIONE DOLCE DEL PRINCIPIO RIEDUCATIVO TRA ROMA E STRASBURGO

SANTANGELO, ALESSANDRA
2019

Abstract

La sentenza Marcello Viola c. Italia sancisce la incompatibilità dell’ergastolo ostativo con la garanzia di cui all’art. 3 CEDU: ancorché siano coinvolti reati gravissimi, la previsione di meccanismi presuntivi assoluti contrasta con il fine rieducativo della pena quale declinazione della dignità personale. La Corte di Strasburgo si pone, così, in linea con le più recenti decisioni della Corte costituzionale in tema di pena perpetua, avvalorando il carattere “contro-maggioritario” dei diritti fondamentali in materia penale.
Santangelo, Alessandra
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/721280
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact