Caro amico, ti scrivo. Sul rapporto fra autori e traduttori