L'art. 26-bis c.p.c.: tesi, antitesi e sintesi