Sul metodo di Jean Bollack