"L'inutilità del suo peso avvilito": riminiscenze omeriche in una lettera di Giuseppe Ungaretti a Mario Puccini