L’impronta contadina sull’alta cucina del basso Medioevo italiano