Conclusioni: dall’ambivalenza all’inattualità della Cura