In questo contributo affronto la questione della rilevanza dello sviluppo di una competenza ricca, critica e consapevole della lingua materna nei percorsi formativi per traduttrici e traduttori, in quanto loro strumento di lavoro principale (benché non esclusivo) ed anche come base imprescindibile per lo sviluppo di una competenza consapevole nelle lingue straniere. Infatti chi tradurrà professionalmente testi deve avere una conoscenza approfondita delle proprie lingue di lavoro, che non si esaurisce nella competenza medio-alta, passiva ed attiva, ulteriormente consolidata e raffinata, cui si accennava sopra per la lingua materna, ma va affiancata dalla consapevolezza delle potenzialità espressive disponibili in tutte le varietà che compongono il repertorio di ciascuna lingua naturale secondo i diversi parametri di variazione socio-culturale. Oltre allo scontato rispetto nei confronti delle regole delle proprie lingue di lavoro attive, chi tradurrà professionalmente deve infatti avere la capacità di capire le scelte compiute dal mittente nel testo di partenza, per poter poi compiere a sua volta scelte opportune ed adeguate nel testo d’arrivo: scelte, effettuate da chi traduce all’interno del ventaglio di possibilità offerto dalla lingua d’arrivo (preferibilmente anche se non esclusivamente la sua lingua materna), che siano equivalenti ma non superficialmente o banalmente identiche a quelle effettuate dal mittente all’interno del ventaglio di possibilità offerto dalla lingua di partenza.

SUL RUOLO DELLA LINGUA MATERNA NEI PERCORSI FORMATIVI PER TRADUTTRICI E TRADUTTORI

marco mazzoleni
2019

Abstract

In questo contributo affronto la questione della rilevanza dello sviluppo di una competenza ricca, critica e consapevole della lingua materna nei percorsi formativi per traduttrici e traduttori, in quanto loro strumento di lavoro principale (benché non esclusivo) ed anche come base imprescindibile per lo sviluppo di una competenza consapevole nelle lingue straniere. Infatti chi tradurrà professionalmente testi deve avere una conoscenza approfondita delle proprie lingue di lavoro, che non si esaurisce nella competenza medio-alta, passiva ed attiva, ulteriormente consolidata e raffinata, cui si accennava sopra per la lingua materna, ma va affiancata dalla consapevolezza delle potenzialità espressive disponibili in tutte le varietà che compongono il repertorio di ciascuna lingua naturale secondo i diversi parametri di variazione socio-culturale. Oltre allo scontato rispetto nei confronti delle regole delle proprie lingue di lavoro attive, chi tradurrà professionalmente deve infatti avere la capacità di capire le scelte compiute dal mittente nel testo di partenza, per poter poi compiere a sua volta scelte opportune ed adeguate nel testo d’arrivo: scelte, effettuate da chi traduce all’interno del ventaglio di possibilità offerto dalla lingua d’arrivo (preferibilmente anche se non esclusivamente la sua lingua materna), che siano equivalenti ma non superficialmente o banalmente identiche a quelle effettuate dal mittente all’interno del ventaglio di possibilità offerto dalla lingua di partenza.
Italoellenica. Συναντήσεις για τη γλώσσα και τη μετάφραση. Πρακτικά Ημερίδας (Αθήνα, Εργαστήριο Γλώσσας, Μετάφρασης και Μελέτης των σχέσεων μεταξύ Ιταλικής και Ελληνικής Γλώσσας, 21 Νοεμβρίου 2017) / Ιtaloellenica. Ιncontri sulla lingua e la traduzione. Atti del Convegno (Atene, Laboratorio di Lingua, Traduzione e Studio del contatto linguistico italogreco, 21 novembre 2017)
66
81
marco mazzoleni
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/701447
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact