Soggetto, oblio di sé e silenzio. Una lettura della Consolatio Philosophiae di Severino Boezio