Prodi e la "comunicazione politica diffusa"