We discuss if and to what extent we need the expression " computational thinking ". We argue that looking for a precise, operational definition could be misleading, and that this expression should not be used everywhere instead of " informatics ". " Computational thinking " , instead, is an instrumental expression which may help in suggesting that informatics is a new and distinct scientific discipline, and in motivating why it should be taught in the schools of any level.

Esaminiamo in che misura sia necessaria l'espressione " pensiero computazionale " ed argomentiamo che può essere controproducente usarla in modo eccessivo insistendo a cercarne una definizione operativamente precisa. Questo termine dovrebbe servire, in modo strumentale, per spiegare sinteticamente perché l'informatica è una disciplina scientifica nuova e distinta dalle altre e perché dovrebbe essere insegnata a scuola a tutti i livelli.

Abbiamo davvero bisogno del pensiero computazionale?

Michael Lodi;Simone Martini;
2017

Abstract

Esaminiamo in che misura sia necessaria l'espressione " pensiero computazionale " ed argomentiamo che può essere controproducente usarla in modo eccessivo insistendo a cercarne una definizione operativamente precisa. Questo termine dovrebbe servire, in modo strumentale, per spiegare sinteticamente perché l'informatica è una disciplina scientifica nuova e distinta dalle altre e perché dovrebbe essere insegnata a scuola a tutti i livelli.
Michael, Lodi; Simone, Martini; Enrico, Nardelli
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/613259
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus 2
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact