Intervenire efficacemente per ridurre l'ansia e la confusione decisionale: una questione di "stile"?