Il presente articolo approfondisce il tema dell'autotraduzione di Nancy Huston affrontandolo però da un punto di vista nuovo. Nell'articolo la scrittura bilingue della Huston è interpretata soprattutto come voce, soffio ritmico e sonoro che invita l'altro all'ascolto, chiedendo ai lettori lo sforzo di interpretare un nuovo spartito musicale, di farsi nuova voce, nella convinzione che questa interazione tra scrittrice-già traduttrice e lettori attenti alla tessitura sonora dell'opera sia la prova che "Traduire, non seulement ce n'est pas trahir, c'est un espoir pour l'huamnité"

Nancy Huston e l'autotraduzione: un esecizio di disciplina musicale

ELEFANTE, CHIARA
2007

Abstract

Il presente articolo approfondisce il tema dell'autotraduzione di Nancy Huston affrontandolo però da un punto di vista nuovo. Nell'articolo la scrittura bilingue della Huston è interpretata soprattutto come voce, soffio ritmico e sonoro che invita l'altro all'ascolto, chiedendo ai lettori lo sforzo di interpretare un nuovo spartito musicale, di farsi nuova voce, nella convinzione che questa interazione tra scrittrice-già traduttrice e lettori attenti alla tessitura sonora dell'opera sia la prova che "Traduire, non seulement ce n'est pas trahir, c'est un espoir pour l'huamnité"
C. Elefante
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/57899
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact