Partendo dal saggio di Paura della libertà (1946), il contributo si incentra sulla ricostruzione – in termini psicanalitici – dell’interpretazione del sogno del protagonista de L’orologio (1950) di Carlo Levi. Attraverso l’ausilio di carte d’archivio, l’autore, oltre a mettere in luce le fasi di riscrittura del brano e alcuni elementi para-testuali di grande rilevanza, mostra come l’interpretazione del sogno affidata a Martino (alias del critico e traduttore Roberto Bazlen) sia una delle chiavi di accesso al mondo onirico/psicologico di Levi, spesso trascurato dalla critica a favore della componente politica del romanzo.

Legge e tempo ne L'Orologio di Carlo Levi

GASPERINA GERONI, RICCARDO
2015

Abstract

Partendo dal saggio di Paura della libertà (1946), il contributo si incentra sulla ricostruzione – in termini psicanalitici – dell’interpretazione del sogno del protagonista de L’orologio (1950) di Carlo Levi. Attraverso l’ausilio di carte d’archivio, l’autore, oltre a mettere in luce le fasi di riscrittura del brano e alcuni elementi para-testuali di grande rilevanza, mostra come l’interpretazione del sogno affidata a Martino (alias del critico e traduttore Roberto Bazlen) sia una delle chiavi di accesso al mondo onirico/psicologico di Levi, spesso trascurato dalla critica a favore della componente politica del romanzo.
Gasperina Geroni, Riccardo
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/524564
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact