La taumaturgia dell’olio, nelle sue forme caratteristiche (pozione, contatto, frizione, esorcismo, ma soprattutto la prescrizione e l’applicazione durante o dopo il rito della incubatio) costituisce un reagente molto efficace per l’analisi dei processi di reificazione simbolica dell’identità cristiana, e rappresenta pertanto anche un valido indicatore delle cauzioni dogmatiche e disciplinari che istituirono il monopolio sacerdotale sui luoghi e sui segni del sacro in relazione ai tramiti informali della potenza dell’invisibile (reliquie e immagini miracolose).

«Olea sanctorum». Reliquie e miracoli fra tardoantico e altomedioevo

CANETTI, LUIGI
2007

Abstract

La taumaturgia dell’olio, nelle sue forme caratteristiche (pozione, contatto, frizione, esorcismo, ma soprattutto la prescrizione e l’applicazione durante o dopo il rito della incubatio) costituisce un reagente molto efficace per l’analisi dei processi di reificazione simbolica dell’identità cristiana, e rappresenta pertanto anche un valido indicatore delle cauzioni dogmatiche e disciplinari che istituirono il monopolio sacerdotale sui luoghi e sui segni del sacro in relazione ai tramiti informali della potenza dell’invisibile (reliquie e immagini miracolose).
Olio e vino nell'alto Medioevo
1335
1415
Luigi Canetti
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/48873
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact