In questo saggio, propongo di adottare un approccio comprensivo alla secessione, capace di tenere insieme le sue diverse componenti, rivoluzionaria e conservatrice. In quest’ottica, la secessione è soltanto uno tra gli strumenti di separazione politica all’interno di uno stato multinazionale, una “possibilità” insita nella dinamica politica e costituzionale statale, che non connota necessariamente la creazione di uno nuovo stato. Se si accettano queste premesse, l’analisi della secessione deve essere ricompresa in una più ampia discussione relativa alla natura del federalismo, ai diritti delle minoranze e alla nozione di cittadinanza nelle società multinazionali.

AI CONFINI DEL DIRITTO: UNA TEORIA DEMOCRATICA DELLA SECESSIONE

MANCINI, SUSANNA
2014

Abstract

In questo saggio, propongo di adottare un approccio comprensivo alla secessione, capace di tenere insieme le sue diverse componenti, rivoluzionaria e conservatrice. In quest’ottica, la secessione è soltanto uno tra gli strumenti di separazione politica all’interno di uno stato multinazionale, una “possibilità” insita nella dinamica politica e costituzionale statale, che non connota necessariamente la creazione di uno nuovo stato. Se si accettano queste premesse, l’analisi della secessione deve essere ricompresa in una più ampia discussione relativa alla natura del federalismo, ai diritti delle minoranze e alla nozione di cittadinanza nelle società multinazionali.
Mancini, Susanna
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/478568
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact