Giovanni Bianchi e la sua scuola nel transfert culturale italo tedesco