Il rosmarino (Rosmarinus officinalis L.), appartenente alla famiglia delle Lamiaceae, è una pianta arbustiva sempreverde tipica dell’areale del Mediterraneo. E’coltivato comunemente in orti e giardini, ma la si trova spesso spontanea lungo i litorali del centro e sud Italia. Questo diffuso e caratteristico componente della flora mediterranea, già dall’antichità era comunemente impiegato come pianta medicinale, aromatica e da condimento. In questo lavoro sono state valutate le proprietà di alcuni oli essenziali di rosmarino appartenenti a tipi reperiti in località diverse. Gli oli essenziali, ottenuti mediante distillazione in corrente di vapore delle sommità non fiorite, sono stati caratterizzati attraverso GC-MS. Sono state valutate, le proprietà biologiche degli oli essenziali (attività antimicrobica e antiossidante) nei confronti di 31 ceppi microbici appartenenti a diverse specie di interesse agro-industriale (23 batteri e 8 lieviti). L’attività antimicrobica degli oli è stata ottenuta attraverso determinazione della minima concentrazione inibente in un intervallo di 200-2000 ppm. Gli oli essenziali hanno mostrato proprietà antimicrobiche con diversi gradi di efficacia sui ceppi testati. In particolare, uno dei chemiotipi, ha mostrato una buona attività antimicrobica. Ciò è presumibilmente dovuto alla discreta presenza di verbenone e di 1,8 cineolo notoriamente attivi biologicamente. L’attività antiossidante degli oli è stata saggiata su piastre agarizzate (1,2 %) addizionate di acido linoleico (2 mg/ml) e ß-carotene (2 mg/ml) risultando molto ridotta.

Caratterizzazione e attività biologica di oli essenziali di alcuni chemotipi di rosmarino

STEFANINI, ILARIA;MAROTTI, MAURO;PICCAGLIA, ROBERTA;BIAVATI, BRUNO
2004

Abstract

Il rosmarino (Rosmarinus officinalis L.), appartenente alla famiglia delle Lamiaceae, è una pianta arbustiva sempreverde tipica dell’areale del Mediterraneo. E’coltivato comunemente in orti e giardini, ma la si trova spesso spontanea lungo i litorali del centro e sud Italia. Questo diffuso e caratteristico componente della flora mediterranea, già dall’antichità era comunemente impiegato come pianta medicinale, aromatica e da condimento. In questo lavoro sono state valutate le proprietà di alcuni oli essenziali di rosmarino appartenenti a tipi reperiti in località diverse. Gli oli essenziali, ottenuti mediante distillazione in corrente di vapore delle sommità non fiorite, sono stati caratterizzati attraverso GC-MS. Sono state valutate, le proprietà biologiche degli oli essenziali (attività antimicrobica e antiossidante) nei confronti di 31 ceppi microbici appartenenti a diverse specie di interesse agro-industriale (23 batteri e 8 lieviti). L’attività antimicrobica degli oli è stata ottenuta attraverso determinazione della minima concentrazione inibente in un intervallo di 200-2000 ppm. Gli oli essenziali hanno mostrato proprietà antimicrobiche con diversi gradi di efficacia sui ceppi testati. In particolare, uno dei chemiotipi, ha mostrato una buona attività antimicrobica. Ciò è presumibilmente dovuto alla discreta presenza di verbenone e di 1,8 cineolo notoriamente attivi biologicamente. L’attività antiossidante degli oli è stata saggiata su piastre agarizzate (1,2 %) addizionate di acido linoleico (2 mg/ml) e ß-carotene (2 mg/ml) risultando molto ridotta.
Congresso Nazionale Società Italiana di Microbiologia - Riassunti
93
93
STEFANINI I.; MAROTTI M.; PICCAGLIA R.; BIAVATI B.
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/3676
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact