La politica agricola comune rappresenta un elemento costante dell'opposizione inglese all'azione della CEE prima e dell'UE poi, ma non è, d'altra parte, un elemento sufficiente per spiegare l'euroscetticismo britannico. Ci sono motivi oggerttivi, che portano i governi britannici a reclamare con costanza e determinazione una profonda riforma della politica agricola comune, ma, allo stesso tempo, sono molti gli europei, dagli economisti ai consumatori, passando per gli ambientalisti, a condividere la posizione inglese sulla PAC.

La Gran Bretagna e la politica agricola comune

LASCHI, GIULIANA
2006

Abstract

La politica agricola comune rappresenta un elemento costante dell'opposizione inglese all'azione della CEE prima e dell'UE poi, ma non è, d'altra parte, un elemento sufficiente per spiegare l'euroscetticismo britannico. Ci sono motivi oggerttivi, che portano i governi britannici a reclamare con costanza e determinazione una profonda riforma della politica agricola comune, ma, allo stesso tempo, sono molti gli europei, dagli economisti ai consumatori, passando per gli ambientalisti, a condividere la posizione inglese sulla PAC.
L'Europa agli albori del XXI secolo
131
157
G. Laschi
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/30836
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact