Il “trio maledetto”: aspetti e potenzialità del gioco motorio paradossale