La Cassazione ribadisce l’applicabilità dell’art. 32, co. 5 del Collegato lavoro alla somministrazione irregolare, ma i dubbi restano