Prime applicazioni del nuovo danno non patrimoniale