Linneo e Spallanzani, professori d’università e viaggiatori entrambi, istaurano la canonica del viaggio naturalistico settecentesco, che sottraggono alla cultura della curiosità, all’avidità dell’aneddoto, alle suggestioni dell’immaginazione e al sapere libresco, e consegnano ai doveri della didattica e al rigore della dottrina come esperienza attenta di fatti, procedura ordinata di osservazione e di scoperta “nei tre regni naturali”: sistema della natura e, insieme, enciclopedia delle conoscenze per Linneo; esplorazione metodica e, insieme, indagine sperimentale per Spallanzani. Le spedizioni del primo nelle terre del Nord e le escursioni marino-montane del secondo, insieme alle sue missioni accademiche nel Regno delle Due Sicilie e a Costantinopoli, ne offrono testimonianze esemplari e, insieme, ne redigono il discorso del metodo come teoria dell’osservazione e dell’esperienza naturalistica con tutte le loro regole: evidenza del singolo dettaglio e studio completo dei vari fenomeni, esercizio paziente di analisi e revisione accurata di sintesi, cautela e finezza di induzioni e ricerca ordinata di generalità, verifica scrupolosa di nozioni ed esame obiettivo di testimonianze, linguaggio di cose e scrittura di conoscenza.

L’occhio filosofico” del viaggiatore,. “I viaggi nella natura” di Lazzaro Spallanzani

SPALLANZANI, MARIAFRANCA
2012

Abstract

Linneo e Spallanzani, professori d’università e viaggiatori entrambi, istaurano la canonica del viaggio naturalistico settecentesco, che sottraggono alla cultura della curiosità, all’avidità dell’aneddoto, alle suggestioni dell’immaginazione e al sapere libresco, e consegnano ai doveri della didattica e al rigore della dottrina come esperienza attenta di fatti, procedura ordinata di osservazione e di scoperta “nei tre regni naturali”: sistema della natura e, insieme, enciclopedia delle conoscenze per Linneo; esplorazione metodica e, insieme, indagine sperimentale per Spallanzani. Le spedizioni del primo nelle terre del Nord e le escursioni marino-montane del secondo, insieme alle sue missioni accademiche nel Regno delle Due Sicilie e a Costantinopoli, ne offrono testimonianze esemplari e, insieme, ne redigono il discorso del metodo come teoria dell’osservazione e dell’esperienza naturalistica con tutte le loro regole: evidenza del singolo dettaglio e studio completo dei vari fenomeni, esercizio paziente di analisi e revisione accurata di sintesi, cautela e finezza di induzioni e ricerca ordinata di generalità, verifica scrupolosa di nozioni ed esame obiettivo di testimonianze, linguaggio di cose e scrittura di conoscenza.
Copnvegno per la presentazione dell'Edizione Nazionale delle Opere di Lazzaro Spallanzani. Atti dell'Accademia Nazionale di Scienze, Lettere e Arti di Modena
147
157
ATTI E MEMORIE. ATTI - ACCADEMIA NAZIONALE DI SCIENZE LETTERE E ARTI DI MODENA
M. Spallanzani
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/152973
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact