«Ed il romore e il parlare loro parea un inferno». Scrivere la piazza in un testo di memoria fiorentino