La sentenza costituisce il primo arresto della Suprema Corte in materia di arbitrato societario ai sensi dell’art. 34, comma 2, del D.Lgs. 17 gennaio 2003, n. 5 in ambito di società commerciali e fornisce un interessante punto di arrivo nell’ambito dell’animato dibattito dottrinale e giurisprudenziale relativo ad un tema che, dopo la riforma del diritto societario, ha visto parte della dottrina e della giurisprudenza schierata con un’interpretazione in aperto contrasto con il dato testuale del secondo comma dell’art. 34.

Arbitrato societario e nullità della clausola compromissoria

SOLDATI, NICOLA
2011

Abstract

La sentenza costituisce il primo arresto della Suprema Corte in materia di arbitrato societario ai sensi dell’art. 34, comma 2, del D.Lgs. 17 gennaio 2003, n. 5 in ambito di società commerciali e fornisce un interessante punto di arrivo nell’ambito dell’animato dibattito dottrinale e giurisprudenziale relativo ad un tema che, dopo la riforma del diritto societario, ha visto parte della dottrina e della giurisprudenza schierata con un’interpretazione in aperto contrasto con il dato testuale del secondo comma dell’art. 34.
DIRITTO E PRATICA DELLE SOCIETÀ
Soldati N.
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/120313
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact