Lavorare per la coedizione: un traduttore, nuove competenze?