Intellettuali, politica e industria culturale