Si analizza un caso di intertestualità (il paragone materno di Inf. XXIII, 37-51 in Petrarca, Epystole I, 14) ancora non rilevato né dagli studiosi di Dante né da quelli di Petrarca, particolarmente significativo per la sua estensione, per l'originalità della similitudine e per i complessi risvolti psicologici. Da questa agnizione si traggono alcune considerazioni sulla scrittura umanistica del Petrarca, in particolare sulla agonistica "aemulatio" cui sono sottoposti i materiali di riuso dantesco.

Ancora sul rapporto tra Dante e Petrarca: il paragone materno di Inf. XXIII in Epyst. I, 14

SEVERI, ANDREA
2011

Abstract

Si analizza un caso di intertestualità (il paragone materno di Inf. XXIII, 37-51 in Petrarca, Epystole I, 14) ancora non rilevato né dagli studiosi di Dante né da quelli di Petrarca, particolarmente significativo per la sua estensione, per l'originalità della similitudine e per i complessi risvolti psicologici. Da questa agnizione si traggono alcune considerazioni sulla scrittura umanistica del Petrarca, in particolare sulla agonistica "aemulatio" cui sono sottoposti i materiali di riuso dantesco.
A. Severi
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/103784
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact