Ancora sul rapporto tra Dante e Petrarca: il paragone materno di Inf. XXIII in Epyst. I, 14