Valla e Poliziano: due filologie, due approcci etici